Di che cosa si tratta?

E’ comunemente chiamata “School Bonus” una facilitazione fiscale – istituita con la L. 13 luglio 2015, n. 107 – riservata a coloro che fanno donazioni a favore delle scuole, incluse quelle paritarie private, affinché vengano realizzate nuove strutture scolastiche, o ristrutturate e potenziate quelle già esistenti.

La facilitazione – straordinaria e limitata nel tempo – consiste nel maggior risparmio che Stato concede sulle imposte da pagare a chi effettua questo tipo di donazione. Indicativamente, grazie a questa facilitazione, il risparmio sulle imposte da pagare viene raddoppiato o triplicato, a seconda della situazione fiscale del benefattore, rispetto alle condizioni normali di deducibilità fiscale.

Dunque lo “School Bonus” è uno strumento attraverso cui si realizza una preziosa collaborazione tra tre soggetti:

  • Il Benefattore, che si accolla 1/3 circa dell’onere della donazione di cui esso stesso decide l’ammontare,
  • Lo Stato, che si accolla gli altri 2/3
  • L’Istituto scolastico beneficiario, che può raccogliere risorse per potenziare e qualificare la propria offerta formativa, oltre a devolverne il 10% al Fondo statale per l’edilizia scolastica.
segno_bilancia
logo-scuola-1

 Perché fare una donazione a una Scuola Paritaria?

Le scuole paritarie sono scuole a gestione privata che offrono un servizio pubblico di istruzione ed educazione.

Rilasciano dunque titoli di studio a tutti gli effetti identici a quelli rilasciati dalle scuole Statali. Essendo però a gestione privata devono obbligatoriamente “far tornare i conti“, operando una conciliazione non semplice fra due aspetti essenziali: offrire un servizio di eccellenza e mantenere il più possibile leggero l’onere economico a carico delle famiglie.

Chi si cimenta in questa “impresa” ha dunque tutti gli oneri e i rischi dell’ imprenditore, ma il suo fine primario è un guadagno di civiltà e libertà.

quadro37orretto
accoglienza_icona_m

Perché fare una donazione alle Farlottine?

Le Farlottine nascono dal cuore di una grande donna, Assunta Viscardi, che ha speso tutta la sua vita per prestare aiuto ai più deboli, in particolare i bambini, affinché migliorando il loro futuro potesse migliorare la società intera.

Assunta, seguendo l’esempio di San Domenico, sapeva bene che procurare pane e vestito non basta, occorre andare oltre e preoccuparsi di offrire una sana formazione, uno dei pochi beni che non deperisce e che non può mai essere sottratto a chi lo riceve in dono.

Le Farlottine non sono una scuola di élite, accessibile solo a chi ha un certo censo, ma, grazie all’aiuto dei benefattori, possiamo accogliere anche bambini e famiglie in difficoltà economica, proprio coloro che spesso traggono maggior beneficio da una educazione scolastica solida e curata.

02Scaterina_0piano
01Scaterina_1piano
02Scaterina_1piano

A cosa serviranno i fondi donati alle Farlottine?

I fondi raccolti contribuiranno a coprire i fabbisogni necessari per la ristrutturazione di una piccola scuola dedicata a una grande santa: Santa Caterina da Siena.

In una società divorata dall’incertezza, vorremmo mettere solide basi a cominciare dai più piccoli per poter guardare al futuro con maggiore fiducia.

L’edificio, situato in una zona periferica di Bologna, è disposto su tre piani e, a lavori ultimati, potrà ospitare due sezioni di scuola materna e le cinque classi di scuola elementare. Il progetto educativo prevede un rafforzamento della lingua inglese, strumento indispensabile per la comunicazione del nostro tempo, ma anche della musica, linguaggio universale capace di armonizzare luoghi, tempi e persone anche molto distanti fra loro.

Donazioni School Bonus ricevute dall'Istituto Farlottine

€ 35.490al 25/02/2019

  • versati al Fondo del MIUR: € 3.549